Just one second...

 
HomeCategory

Nuovi trend

Consumo di vino al femminile: presentata al Vinitaly l’indagine Enpaia-Censis

Oggi sono oltre 12,1 milioni le donne che bevono vino, pari a quasi il 47% della popolazione femminile adulta in Italia, un numero in crescita di oltre il 15%  rispetto al 2014 .È in atto una lenta ma continua evoluzione nel rapporto di genere con il vino, con un numero crescente di donne che nel tempo sta scoprendo il valore intrinseco e sociale del prodotto. È quanto emerge dall’Osservatorio sul mondo agricolo Enpaia-Censis, in merito al consumo di vino al femminile, presentato in occasione del Vinitaly a Verona.

La Sostenibilità motore di crescita e sviluppo dell’agricoltura

Le imprese agricole sostenibili crescono più rapidamente in termini di fatturato e competitività. Lo dimostrano i dati del terzo Rapporto “AGRIcoltura100”, lo studio sulla sostenibilità del settore agricolo, promosso da Reale Mutua e Confagricoltura e realizzata da Innovation Team, società del Gruppo Cerved. Dallo studio, presentato a Roma il 31 gennaio scorso, emerge anche che è aumentato in questi tre anni il numero di imprese che hanno raggiunto un livello di sostenibilità medio alto: era il  48,8% nel 2020  è il 52,6% nel 2022.

Il lockdown ha messo le ali all’e-commerce in Italia:+33% in un anno, con l’alimentare comparto più dinamico (+37%)

Vola il fatturato delle vendite online in Italia con oltre 64 miliardi di euro raggiunti nel 2021, in crescita del 33% sul 2020. L’alimentare cresce più della media mettendo a segno nell’anno appena trascorso un incremento del giro d'affari del 37%, con l’e-commerce di Esselunga che entra nel ranking dei dieci marketplace più visitati dagli italiani. A fare il punto sulle dinamiche principali dell’e-commerce in Italia e a livello mondiale è, come ogni anno, il report della Casaleggio e associati che ha raccolto i dati e le opinioni di oltre 250 operatori del mercato italiano, assieme a ricerche e studi sul mercato internazionale

Nutrinform battery: l’alternativa italiana all’etichetta a semaforo

Dal 23 aprile è on air il sito web dedicato al Nutrinform battery, l’alternativa italiana all’etichetta a semaforo nota come Nutri-score. Attorno a i due sistemi si sta consumando un'aspra battaglia a livello comunitario che vede in campo interessi e istanze spesso non conciliabili. Quello che è certo è che entro il 2022 l'Europa dovrà approvare un sistema di etichettatura fronte-pacco armonizzata e obbligatoria per aiutare i consumatori a fare scelte alimentari salutari, come indicato nella strategia Farm to Fork. 

La pandemia non ha frenato l’innovazione digitale in agricoltura

Il mercato dell’agricoltura 4.0 vale oggi 540 milioni di euro in Italia, con una crescita del 20% rispetto all’anno precedente, in linea con l’andamento pre-pandemia. Circa il 60% delle aziende agricole utilizza almeno una soluzione digitale ma questo dato si scontra con la limitata superficie agricola coltivata con strumenti 4.0 che arriva a malapena al 4%.  Allargando lo sguardo all’intera filiera, l’agroalimentare si distingue a livello mondiale per il numero di progetti pilota e operativi di Blockchain, raggiungendo la terza posizione tra i settori produttivi più dinamici. Sono alcune delle principalòi evidenze della ricerca realizzata dall'Osservatorio Smart Agrifood della School of Management del Politecnico di Milano* e del Laboratorio RISE (Research & Innovation for Smart Enterprises) dell’Università degli Studi di Brescia.

Agricoltura italiana all’avanguardia per sostenibilità

Sostenibilità ambientale, ma anche sociale ed economica, il rapporto AGRIcoltura100 promosso da Reale Mutua in collaborazione con Confagricoltura, rivela che quasi il 50% delle aziende del settore primario italiano esprimono un livello alto e medio alto di sostenibilità, misurata mediante un indicatore di sintesi che tiene conto di centinaia di variabili. L’indagine è stata condotta su 1.850 imprese di tutte le regioni italiane,  le classi dimensionali e i comparti produttivi dell’agricoltura e dell’allevamento: un campione largamente rappresentativo del settore.

Indicazione dell’origine anche sui salumi

Via libera al decreto interministeriale che rende obbligatoria l'indicazione dell'origine delle carni suine nei prodotti trasformati come prosciutti e salumi.  Il provvedimento è stato sottoscritto il 21 luglio dai Ministri Bellanova, Patuanelli e Speranza, in occasione dell’ Assemblea dei Presidenti Coldiretti, trascorsi i 3 mesi per l'autorizzazione da parte della Commissione europea.

Ettore Fieramosca srl
P.IVA 13509021005

Via Pietro Cossa, 41
00193 Roma – Italy

https://ettorefieramosca.it/wp-content/uploads/2019/04/img-footer-map-2.png
Ettore Fieramosca srl
P.IVA 13509021005

Via Pietro Cossa, 41
00193 Roma – Italy
Dove siamo
https://ettorefieramosca.it/wp-content/uploads/2019/04/img-footer-map-2.png
GET IN TOUCHEttore Fieramosca Social links

Copyright by CreemLab. All rights reserved.

Copyright by CreemLab. All rights reserved.